MoRe 2018 – Non è andata bene. Grazie comunque alle nostre atlete

pubblicato in: Ghost | 0

Nella foto in evidenza vediamo la squadra Avis Arcore (n.ro 8) appena partite dall’Arengario, in mezzo a due ali di folla.
Sorridenti, pronte ad affrontare la gara durissima.
Il passaggio ad Arcore è stato un festoso trionfo, e chi c’era lo può testimoniare.
Purtroppo in seguito le cose non sono andate bene.
Una delle nostre atlete, tra l’altro la più esperta in questa gara, è stata male – ma male davvero, con necessità di flebo – sulla salita Calolziocorte-Erve, e la gara del nostro team si è quindi fermata ad Erve.
Colpa del freddo? Dell’umidità (tra Olgiate Molgora ed Olginate c’erano entrambi)?
Non lo sappiamo.
Quello che sappiamo – e chi scrive lo sa di persona per averla corsa – è che questa gara è del tutto imprevedibile, può andare tutto bene, ma può anche accadere quello che non è mai successo in anni e anni di corse e di allenamenti.
Tutti quanti speravamo di vedere le nostre atlete – davvero preparate, e risultati e serietà parlavano per loro – arrivare sul piazzale della Capanna Alpinisti Monzesi.
Per quest’anno non ce l’abbiamo fatta.
Non sappiamo se e quando ci riproveremo, ma per ora teniamoci negli occhi lo splendido spettacolo del grande pubblico Arcorese, che ha accolto la nostra squadra, e non solo loro, in modo davvero caloroso.
Teniamoci e culliamo ancora il sogno di arrivare alla fine di questa fantastica, ma oggi un po’ triste, corsa.
Grazie comunque, ragazze, per averci provato, è stato bello per Avis Arcore, soprattutto per le donatrici che si vedevano rappresentate da 3 donne coraggiose e per quest’anno sfortunate.
Forse le nostre strade si incrocieranno ancora, per il momento…
Isa, Laura, Manu, buona corsa e buona strada per il futuro.